PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

100_1279

I Piani Eterni

Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi è stato istituito nel 1990 al fine di tutelare l’importante valenza naturalistica, paesaggistica e storica di un’area di circa 32.000 ettari, nonché per la creazione di opportunità di sviluppo per il territorio e le sue genti attraverso la salvaguardia dei valori naturalistici ed il recupero delle attività tradizionali.

casera Campotorondo.JPG

Casera Campotorondo

Il parco si estende in un’area di media ed alta montagna a nord della Valbelluna, comprendendo, con andamento da sud-ovest a nord-est, quattro gruppi montuosi principali: Le Vette Feltrine, Il Cimonega, I Monti del Sole e La Schiara. Il particolare posizionamento geografico, a sud-est rispetto alle Alpi, ha fatto si che queste zone siano rimaste libere dai ghiacci nel corso delle glaciazioni che si sono succedute fino a 10.000 anni fa. Questo il motivo per cui nell’area del Parco, specie nella zona delle Vette Feltrine e del Serva, si trovano specie vegetali rare ed una grande varietà di ambienti e paesaggi. Spettacolari sono le fioriture estive, che rappresentano una delle attrazioni principali del parco.

in Busa delle Vette.JPG

in Busa de le Vette

L’area è percorsa da molti sentieri escursionistici e tematici, tutti ottimamente tracciati e segnalati: a partire dalla forcella di Croce d’Aune, all’estremo limite sud-ovest del parco, attraverso tutta la Valbelluna, con le sue vallate laterali e fino alla Val di Zoldo le vie di accesso sono numerose. Sono disponibili in libreria alcune guide escursionistiche dedicate.

Il territorio della Val di Zoldo è solo in parte ricompreso all’interno del Parco. Si tratta della Val Pramper, con gli omonimi gruppo montuoso, malga e rifugio, magnifica vallata alpina ai confini con l’incredibile circo glaciale dei Van De Zità.             

rifugio Pramperet.JPG

il Rifugio Pramperet

Da non perdere assolutamente i Piani Eterni, nome evocativo di un ampio altopiano e pascolo a nord della Val Canzoi, con estesa zona carsica percorsa da cunicoli e grotte, la più lunga delle quali pare sprofondare nelle viscere della terra per oltre mille metri.

                      

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...